mercoledì 28 giugno 2017

Serie "Bootleg" n. 243 - Angelo Branduardi live Patio di Rubiera (RE), 1976 (soundboard)


First Time on The Web


TRACKLIST :

01. Confessioni di un malandrino
02. Tanti anni fa
03. Il dono del cervo
04. Sotto il tiglio
05. Alla fiera dell'Est
06. La luna
07. Gli alberi sono alti
08. L'uomo e la nuvola
09. Re di speranza
10. La serie dei numeri
11. Il vecchio e la farfalla
12. Rifluisce il fiume



Secondo prezioso contributo del nostro nuovo amico Marco Osel (nome e nick), dopo lo scoop del concerto dei Gentle Giant a Roma nel 1972. Abbiamo tra le mani una superba registrazione (parliamo di un soundboard), tratta direttamente dal mixer dallo stesso Osel. Il concerto risale al 1976 (la data non è indicata), la location è il Patio di Rubiera, località in provincia di Reggio Emilia.


Anche i musicisti che accompagnano Branduardi non sono menzionati. Verosimilmente potrebbero essere parte di coloro che lo accompagnarono nelle registrazioni in studio, ovvero Maurizio Fabrizio alle chitarre, Gigi Cappellotto al basso e Andy Surdi alla batteria. Ignoro il nome del tastierista. Magari Osel ci fornirà i nomi nei commenti.


Come indicato dallo stesso autore della registrazione "nei primi due pezzi c'è un ronzio dovuto alle luci del locale... poi le spensero e il suono divenne perfetto. Un concerto intimo e intenso, quando il successo non era ancora arrivato e Angelo era un musicista di nicchia".

In questo concerto Angelo si destreggia tra chitarra acustica e violino elettrico, rimaneggiando e dilatando i brani in scaletta tratti sia dall'allora ultimo album, "Alla fiera dell'est" (ascoltate la versione live del brano omonimo e capirete) sia da "La luna" del 1975. Anche qui stesso discorso: la parte cantata de"La luna" è preceduta da una lunga introduzione con intrecci di violino e chitarra acustica.


Peraltro abbiamo il piacere di ascoltare brani proposti pochissime volte dal vivo, quali "Donna mia", "Rifluisce il fiume" e "Gli alberi sono alti". Ricordate la versione di questo traditional inglese (titolo originale "The Trees They Do Grow High") cantata da Joan Baez o dai Pentangle? Ebbene io ho sempre preferito la versione di Angelo e qui ne ho avuto l'ennesima conferma. Uno dei vertici del concerto è l'intensa versione de "L'uomo e la nuvola" con il lungo intro strumentale. Il ripescaggio dal primo album del 1974 si intitola "Re di speranza", brano che venne riproposto dal vivo fino al 1980 in versione elettrica e decisamente stravolta rispetto all'originale.

Un grande concerto, un evento che cattura Angelo Branduardi nei primi anni della sua lunghissima attività artistica e che gli rende il giusto omaggio. Da gustare dalla prima all'ultima nota. Grazie Osel per aver conservato questo gioiello fino ad oggi ed averlo condiviso con gli amici della Stratosfera.
Buon ascolto




Music by Osel - Post by George - Covers "postume" by Antonio LM

16 commenti:

  1. Magia allo stato puro, emozioni sublimi a flusso continuo. Tantissimi ringraziamenti a Marco e a George. Carissimo Osel, bisognerebbe erigerti un monumento, e se hai altre chicche live di cantautori, ben vengano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cercherò nel mio archivio.....dovrei avere un'altro branduardi fine anni 70 o primi 80, sicuramente ho un soundboard di LALLI(avevo organizzato il concerto e ho registrato) l'ex cantante dei Franti ,un bel concerto di Mauro Pagani e poi altre cose che non ricordo......pian piano cerco di tirare fuori tutto!

      Elimina
  2. grazie, in effetti fu un concerto sublime.....nella band c'era il buon Maurizio Fabrizio, gianni colaiacomo al basso(che poi passò al Banco) gli altri erano sconosciuti....almeno a me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie OSEL !!!
      E' un regalo veramente stupendo e graditissimo.
      Te ne siamo tutti grati!
      Se hai un profilo Facebook raggiungici nel fan club di A. Branduardi
      https://www.facebook.com/groups/locandadelmalandrino/
      o seguici nella nostra pagina pubblica
      https://www.facebook.com/locandadelmalandrino/

      a presto
      Laura e Vincenzo

      Elimina
    2. grazie a voi.....mi premurerò di visitare il vostro sito, magari con l'account facebook di mio figlio......io sono un pò allergico ad averne uno!

      Elimina
  3. Documento sonoro preziosissimo. Grazie Osel per questo dono!
    Antonio (alm)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo regalo :-)

    https://www.facebook.com/locandadelmalandrino/

    RispondiElimina
  5. Vorrei ricordare che sul web circola un breve estratto di un concerto di Angelo al Club Tenco nel 1974. Riusciamo a recuperare il concerto integrale e a pubblicarlo a beneficio degli appassionati, anziché tenerlo in un cassetto (come fa qualche blog?)

    RispondiElimina
  6. Come mai nella tracklist ci sono 12 brani mentre i file zippati sono 15? Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ricordo, ma forse c'è qualche parlato che è diventato un file a parte

      Elimina
    2. C'è una traccia di pochi secondi con soli applausi. Due brani, inoltre, sono suddivisi in 2 tracce distinte. Credo che siano "Alla fiera dell'est" e "l'uomo e la nuvola"...

      Elimina
  7. Secondo me i musicisti sono: Duilio Sorrenti (batteria) Gianni Colaiacomo (basso) Massimiliano "pippo" Di Carlo (liuto) Roberto Pileo (chitarra) Franco Di Sabatino (tastiere). Considerando che "Alla fiera dell'Est" è stato pubblicato a novembre 1976 e il pubblico nel concerto mostra di conoscere i pezzi di quell'album, postdaterei la registrazione ai primi mesi del 1977.

    RispondiElimina
  8. non ricordo con precisione, era in tarda primavera o autunno, perchè il patio era un locale all'aperto. Puleo non c'era, perchè lo conosco e subentrò poco dopo.......

    RispondiElimina
  9. Con imperdonabile ritardo mi associo alla meraviglia per questo fantastico documento, sia per la qualità che per la rarità. Benvenuto caro amico, e grazie sin d'ora per tutto quanto vorrai donarci, noi attendiamo con ansia. Frank - One

    RispondiElimina
  10. Non potevo sperare esistesse una meraviglia del genere...... grazie!!! è ora che apprezziamo questo straordinario artista, che all’estero ci invidiano ma che qui snobbiamo!

    RispondiElimina